La B-Lake Runner Volturno ricorda il piccolo Youssef

16.08.2022

Il ritrovo è alle ore 18.00 nella Villa Comunale di Rocchetta al Volturno per la 5km di camminata e corsa non agonistica

Per la quarta volta, la B-Lake Runner Volturno vive un significativo momento di solidarietà e di memoria, ricordando il piccolo Youssef, scomparso tragicamente il 16 agosto del 2010... Si vivrà infatti domani, 17 agosto la IV Edizione de "La corsa del piccolo Youssef", alle ore 18.00 nella Villa comunale di Rocchetta al Volturno

5km di camminata e corsa non agonistica per tenere viva la memoria di quella tragedia che nell'ormai lontano 2010 sconvolse il piccolo centro dell'Alta Valle del Volturno e che resterà per sempre scolpita nella memoria di tutti gli abitanti di Rocchetta al Volturno. Quel bambino vivace che si recava in paese con il suo papà con il banco vendita, resterà con il suo sorriso vivo sempre nella storia del paese. Quel bimbo che nella mattina del 16 agosto 2010 pensò di andare al bacino dell'Enel adiacente la Villa Comunale, forse a lavarsi le scarpe che aveva sporcato, per tornare dalla sua mamma con le scarpe pulite, e che invece in quel luogo trovò tragicamente la morte.

Tutto il paese si era unito alle ricerche, da quando il papà, preso dal suo lavoro, si era poi accorto che il suo bambino non era più con lui. Erano accorse forze dell'ordine, vigili del fuoco, il sindaco del paese... tutti nell'ansiosa ricerca del piccolo Youssef... fino a che qualcuno nelle prime ore del pomeriggio non vide il suo corpicino affiorare purtroppo esanime dalle fredde acque del bacino.

Quella sera, a Rocchetta, ogni mamma strinse forte il suo bambino... partecipando intimamente al dolore della mamma del piccolo Youssef che il suo bimbo invece non lo aveva più.

A quel dolore e quella storia la B-Lake Runner Volturno, su iniziativa di un giovane di Rocchetta Antonio Pontarelli, ha voluto dedicare anche quest'anno, come lo fa da 4 anni, un ricordo e una carezza, con "La corsa del piccolo Youssef", un modo per non dimenticare, un modo per tenerlo ancora vivo nella comunità e vederlo correre tra la bancarelle del mercato.

©Produzione riservata

Segui la nostra informazione anche su Facebook, su Twitter o unendoti al nostro canale WhatsApp